Bourbon Whiskey

bourbon whiskey

È ora di capire la grande differenza tra un whisky e un bourbon. Che tipo di whiskey è? Come è fatto? La sua storia? L’origine? E i suoi requisiti legali? No, non vi daremo un libro da leggere. Vi daremo solo alcuni spunti per farvi capire cos’è il whiskey bourbon. Inoltre, perché possiate andare a provarlo!

 

Storia e origini del bourbon

Intorno alla finedel XVIII secolo gli scozzesi, gli irlandesi e molto probabilmente anche gli inglesi, i gallesi e i francesi iniziarono a coltivare e a distillare nel Kentucky. Tuttavia, l’origine del bourbon come tipo distintivo di whiskey non è molto ben documentata. Ci sono alcune leggende e affermazioni in merito, ma nulla che si possa affermare completamente.

Elijah Craig è spesso attribuito come l’inventore di questo whisky. Era un ministro battista e distillatore nella contea del Kentucky. Si dice che Elijah fu il primo a invecchiare lo spirito in una botte di quercia carbonizzata, che è il processo che dà al bourbon il suo colore rossastro e il suo sapore unico. Jacob Spears è un’altra persona che entra nella storia del distillato. Secondo le fonti, fu il primo ad etichettare il prodotto come un Whiskey Bourbon.

Molto probabilmente non c’è stato “un” inventore di questo distillato. Per fare il whisky, si può usare qualsiasi tipo di grano, e la pratica di invecchiare il whisky e di carbonizzare le botti per ottenere un sapore unico si faceva già da secoli in tutta Europa.

Secondo un’altra leggenda, Michael Veach, uno storico, afferma che il nome deriva dalla Bourbon Street di New Orleans. Qui si trova un importante porto dove venivano vendute le spedizioni del whiskey del Kentucky. Questo era un’alternativa economica al cognac francese.

Anche se tutte queste storie sembrano affascinanti, il distillato stesso è sempre più sorprendente. Scopriamo come è fatto.

 

La lavorazione del bourbon

Per poter vendere questa bevanda ufficialmente come un bourbon, deve contenere un minimo del 51% di mais. Il resto può essere qualsiasi tipo di cereale. I cereali vengono macinati e mescolati con acqua. Normalmente, viene aggiunto un mash da una distillazione precedente per creare una certa coerenza tra i lotti. Questo crea il sour mash. In seguito, viene aggiunto il lievito e il mash viene fermentato. Tipicamente, viene distillato tra il 65% e l’80% di alcol usando un alambicco tradizionale o un alambicco continuo.

Questo processo si traduce in uno spirito chiaro normalmente chiamato “white dog”. Viene messo in una botte di quercia nuova carbonizzata per l’invecchiamento. Il legno usato normalmente è la quercia bianca americana, ottenendo il suo colore unico e la maggior parte del suo sapore. Questo è il risultato del legno carbonizzato che offre i sapori unici caramellati e di vaniglia.

 

Come si beve

Come qualsiasi altro whisky, il bourbon si serve secondo le proprie preferenze. Si può provare liscio o diluito con acqua. On the rocks è anche un favorito, tuttavia, mescolato con altre bevande o in cocktail danno a questo tipo di whiskey un posto nel mondo dei cocktail. Questo perché un bourbon è ricco di sapori, specialmente le note più dolci. Per questo motivo, alcune persone usano anche questo distillato in cucina o per scopi medici.

Perfetto in qualsiasi modo, potreste provare a farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun prodotto nel carrello.